Genova: Olivia&Marino e Palazzo Reale

Sabato 24 ho ricevuto l’invito per andare alla bottega temporanea di Olivia&Marino all’interno della stazione di Genova Principe.

Olivia&Marino hanno ideato questo tour presso le stazioni di varie città, in cui, chi passerà dalla stazione, oltre a trovare i prodotti della linea da assaggiare, potrà consultare Internet dai computer a disposizione, leggere riviste e Itinerari dello sfizio da percorrere in treno, provare il servizio bookcrossing o spedire una cartolina firmata La Bottega di Olivia&Marino.

L’ambiente mi è piaciuto moltissimo, estremamente accogliente (la serranda blu mi fa morire :-)), i ragazzi simpaticissimi e molti turisti stranieri hanno approfittato delle riviste e degli iMac per navigare sgranocchiando i prodottiOlivia&Marino. Io stessa ho provato con piacere tutti gli snack, rimanendo piacevolmente colpita dagli Sfilati rustici alle Olive che riutilizzerò al primo aperitivo, probabilmente avvoltolati nel Lardo di Arnad (proprio come consigliano sul loro sito).

Inoltre ho potuto scambiare anche 2 dei libri che avevo portato con me e che sonnecchiavano da tempo nella mia libreria con uno sul vino (che spero mi prepari a Terroir Vin :-)) e uno su Torino… in vista di un matrimonio torinese a maggio. Bottino della mattinata: svariati prodotti Olivia&Marino, 2 libri nuovi e cartoline genovesi da spedire agli amici… non male :-).

Ma è solo mezzogiorno,la giornata è ancora lunga e visto che è la settimana della cultura decidiamo di andare a vedere qualche palazzo e museo genovese approfittando delle aperture straordinarie e a prezzo ridotto.

Momento delusione: delle 2 pagine dedicate alla provincia di Genova solo 3 musei erano aperti gratuitamente! La spiegazione data è che la maggior parte dei palazzi e musei genovese sono privati e quindi non aderiscono all’iniziativa del ministero, che ci sta pure come discorso, ma almeno l’avessero comunicato o scritto dal qualche parte… vabbè procediamo ed essendo già a Principe abbiamo scelto di visitare il Palazzo Reale che non avevo mai visto dal vivo (ma solo su mille libri e depliant della città), costituito dalla dimora storica, dall’annesso giardino e dalla pinacoteca.

La Galleria di Palazzo Reale costituisce una delle principali quadrerie genovesi grazie a quadri del famoso pittore fiammingo van Dyck, di Tintoretto e Guercino tra gli altri. La visita all’interno è durata circa mezz’ora allietata dalle spiegazioni della guida molto preparata.

Post-it sulla cosa che più mi è piaciuta: il salone degli specchi… già mi vedo a organizzare cene in questa meraviglia di salone illuminato da candele… chissà se il Comune ce la cede per una serata tra food blogger :-)

3 Comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>