Articoli con tag zucca

Ci prepariamo per Halloween: Zuppa con zucca e cicerchie

0

zucca2

orange

Uno dei miei momenti preferiti dell’anno, Halloween, sta arrivando e la mia board di Pinterest è ormai zucca tematica.

Qualche giorno fa si commentava su Instagram con La Cuochina che prima di trasferirci in Uk nessuna delle due si filava la zucca e adesso ne siamo “ossessionate”… sarà un segno che stiamo diventando un po’ British? :-) D’altronde qui ogni negozio è un tripudio di zucche multicolore ed è diffile resistere!

zucca1

Ingredienti per 4

  • 500 g di zucca (nel mio caso Butternut squash)
  • 250 g di cicerchie (tenute a bagno per almeno 12 ore)
  • 4 spicchi di aglio
  • 1 cipolla
  • 1.5 lt di brodo vegetale
  • un cucchiaino di timo
  • olio extravergine d’oliva
  • sale
  • pepe

 

zuppa1  zucca3

Realizzazione

Fate soffriggere 2 spicchi di aglio e la cipolla in una pentola di ghisa – permette lunghe cotture – con un po’ di olio. Preparate a parte il brodo vegetale.

Quando il soffritto è pronto aggiungete le cicerchie in pentola e coprite con il brodo, facendo cuocere il tutto a fuoco lento.

Sbucciate la zucca e tagliatela a dadini piccoli. Tritate i restanti due spicchi di aglio e soffriggeteli in una padella con 2 cucchiai di olio, il timo tritato e la zucca; abbassate la fiamma e cuocete, per 10 minuti circa, mescolando con un cucchiaio di legno.

Aggiungete la zucca nella pentola con le cicerchie e fate cuocere per altri 30 minuti circa. Assaggiate e regolate di sale e pepe. Quando la zucca e le cicerchie sono cotte, siete pronte per addobbare la casa con zucche e ragnatele. ;-)

 

Post in collaborazione con Le Creuset.

zuppa2

Butternut squash soup with chilli – Zuppa di zucca con peperoncino

2

zuppa2

English Version below

Ultimamente si va sempre di fretta qui al Paese. Se tutto va per il verso giusto ci saranno un bel po’ di cambiamenti nella mia vita, ma non vi dico di più perchè, si sa, fino a quando le notizie non sono certe è meglio tenersele per se.
E quindi si corre di qua e di la cercando di fare tutto… ma la domenica no, la domenica voglio sedermi al grande tavolone di legno del ristorante locale e gustarmi con calma la zuppa del giorno, ieri quella di parsnips.

Che buffo… io che dalle zuppe restavo a distanza di sicurezza, ora mi trovo a cercarle ogni domenica.

Sarà il freddo, sarà che sono coccolose e ti scaldano dall’interno, proprio come questa qui sotto.

Ingredienti per 4

1 zucca, circa 1kg, pelata e senza semi
2 cipolle, tagliate a dadini
1 spicchio d’aglio affettato sottilmente
2 peperoncini, privati dei semi e tritati finemente
850ml brodo vegetale
4 cucchiai di crème fraîche
timo
olio d’oliva
burro

 

zuppa1

Realizzazione

Scaldate il forno a 180C. Tagliate la zucca a fette, cospargetela con olio di oliva e timo (vedi foto) e mettetela in forno per circa 30 minuti, girando le fette una volta durante la cottura. La zucca e’ pronta quando diventa morbida.

Mentre la zucca cuoce, sciogliete il burro con un cucchiaio di olio in una grande pentola, quindi aggiungete le cipolle, l’aglio e il peperoncino. Coprite e cuocete a fuoco molto basso per 15-20 minuti fino a quando le cipolle saranno diventate morbide.

Quindi aggiungete nella pentola la zucca, il brodo vegetale che avrete preparato precedentemente e la crème fraîche,  e frullate  il tutto con il blender. Riportare la zuppa nella pentola, riscaldate e condite a piacere. Servite la zuppa in ciotole monoporzione.

zucca3

English Version

 

Ingredients 4 people

1 butternut squash, about 1kg, peeled and deseeded
2 onions, diced
1 garlic clove, thinly sliced
2 mild red chillies, deseeded and finely chopped
850ml hot vegetable stock
4 tbsp crème fraîche, plus more to serve
thyme
olive oil
butter

 

Method

Heat oven to 180C fan. Cut the squash into slices, then toss in a large roasting tin with half the olive oil and thyme. Roast for 30 mins, turning once during cooking, until golden and soft.

While the squash cooks, melt the butter with a spoon of olive oil in a large saucepan, then add the onions, garlic and chilli. Cover and cook on a very low heat for 15-20 mins until the onions are completely soft.

Tip the squash into the pan, add the stock and the crème fraîche, then whizz with a stick blender until smooth. For a really silky soup, put the soup into a liquidiser and blitz it in batches. Return to the pan, gently reheat, then season to taste. Serve the soup in bowls with swirls of crème fraîche.

Halloween and Autumn random foto

8

Sì lo so che Halloween è passato e siete stufi, ma dato che a me la fotografia piace vorrei condividere con voi alcuni scatti fatti in questi giorni e il video della Halloween parade sui pattini che ho incocciato per puro caso sabato scorso in Regent Street.


Pescatrice alle erbe in crosta di sfoglia con puré di zucca

15

Avviso ai lettori:

  • Questo post nasce in collaborazione con Stefania che conosco da molti anni e che ancora non finisce di stupirmi per tutta la passione che mette nelle cose che fa, compresa la nostra amicizia. Colleghe prima e amiche dopo, coltiviamo un’amicizia geek (nonostante Stefania dica di odiare i social network, ma eccola con un blog, e non dire che è colpa mia :-P) e organizziamo aperitivi sfiziosi di tanto in tanto per parlare di cucina o di shopping o di libri o di tutti e tre.
  • Questo post/collaborazione nasce grazie alla bella idea di amicizia di Genny in collaborazione con KitchenAid, e infatti partecipiamo al suo contest aggiungi un blogger a tavola
  • Ci siamo divertite un mondo a fare questo post insieme, ma proprio insieme nel senso che abbiamo spadellato a casa di Stefania (con 2 spettatori che ci osservavano un po’ straniti nel nostro passare con nonchalance dal puré di zucca, al libro illustrato di Mafalda, a George Benson all’aperitivo con formaggi e vino, perché anche le blogger mangiano, eccome se mangiano :-)).
  • Questo post aveva tante belle fotine che pubblicherò in un secondo momento che sto cercando di aggiornare, scusate il disguido. Perchè la sottoscritta è completamente fusa e nel partire per la montagna con tutto il suo quintale di elettronica per fare il post, era sì convinta di aver copiato le foto sulla chiavetta… e invece no :-( Quindi ora sono qui al caldo, fuori nevica, il tè per la merenda è pronto e le foto… sono a Genova. Stefy perdonami!

Quindi mi spiace per voi lettori ma se volete vedere già ora la ricetta dovete per forza subirvi il video seguente… sappiate solo che Sonia assume espressioni perplesse di fronte alla videocamera e muove compulsivamente le ginocchia perchè Sonia non è per niente affine al video e Stefania furbescamente se l’è svignata con la scusa di iniziare a preparare gli ingredienti.

Speriamo di non annoiarvi troppo, grazie per la visione!


Piccola annotazione, abbiamo scelto questa ricetta (presa da frolla&sfoglia teoria e pratica dell’impasto di michel roux) dopo svariate email di confronto sulle rispettive tradizioni perché abitando entrambe in un paese di mare, Lavagna io e Santa Margherita Stefania (proprio la Santa Margherita degli scampi favolosi), le nostre festività sono legata al pesce in tutte le forme e portate. E quindi tra un antipasto e un primo siamo arrivate alla conclusione che questo pesce in crosta di sfoglia era la ricetta che più accomunava le nostre famiglie.

Fate un salto anche qui per vedere la ricetta di Stefania e ancora grazie a lei per avermi sopportato in questa entusiasmante collaborazione. :-)

P.s. sotto il video trovate scritti ingredienti e realizzazione.

Ingredienti

  • pasta sfoglia pronta
  • rana pescatrice circa 250gr
  • cipolla 1
  • porro 1
  • erbe aromatiche: alloro, timo, rosmarino
  • prezzemolo
  • dragoncello
  • bietole 12 foglie
  • tuorlo 1

per le crepes alle erbe

  • farina 60gr
  • latte 150ml
  • uova 2
  • erbe fresche: prezzemolo, dragoncello, erba cipollina

per il purè di zucca

  • zucca 2,5kg
  • panna liquida 100ml
  • latte 100ml
  • fleur de sel, pepe

Preparate il purè di zucca:

Pulite, tagliate la zucca e cuocetela per una ventina di minuti in padella o comunque fino a quando non sarà morbida. Versate latte e panna in una casseruola, scaldare il tutto a fuoco basso.

Frullate la zucca, aggiungete panna e latte, salate e pepate a vostro gusto

Preparate le crepes alle erbe:

Sono facoltative ma la presenza di un quasi francese in cucina ci ha impedito di saltare questo passaggio. ;-) E poi, se ne avanzano, sono ottime da mangiare il giorno dopo con il purè di zucca passando il tutto appena qualche minuto in forno!

Mescolate con una frusta la farina, il latte e le uova fino ad ottenere una pastella liscia e liquida. Unite le erbe aromatiche e preparate una padella per le crepes ungendola di burro. Versate il composto con un mestolo fino a coprire la padella e cuocete per circa un minuto per parte.

Tenete le crepes preparate da parte su un piatto.

Preparate il pesce:

Cuocere il pesce per circa 5 minuti in una pentola insieme alle erbe aromatiche e alla cipolla e porro tritati finemente. Togliete i filetti dalla padella e lasciate raffreddare.

Tritate il prezzemolo e il dragoncello e passate i filetti nel trito aromatico; per dare maggiore sapore noi abbiamo fatto un’incisione a metà del filetto in cui inserire le erbe aromatiche.

Per preparare dei fagottini monoporzioni procedete, per ogni filetto, ad avvolgere il pesce prima nelle foglie di bietole sbollentate poi nelle crepes alle erbe ed infine nella sfoglia.

Nella preparazione di quest’ultimo passo abbiamo avuto delle divergenze “artistiche” quindi i fagottini sono stati realizzati in due modalità: preparati dei rettangoli di sfoglia di dimensioni adeguate per coprire i filetti potete decidere se chiudere completamente il pesce o se lasciare una specie di cartoccio semi-aperto. In entrambi i casi il risultato finale è ottimo ;-)

Prima di mettere in forno spennellate la pasta sfoglia con il tuorlo d’uovo leggermente sbattuto, infine infornate a circa 180 gradi per una ventina di minuti (quando la pasta è cotta potete sfornare)

Servite caldo accompagnato dal purè di zucca e buon appetito!


Sformatini di zucca e Timorasso Chiaror sul Masso

8

Sono in ritardo!

Nonostante abbia dei bellissimi post colorati sul mio Mac sono riuscita a dimenticare di appuntare la scadenza del “TSTP” ovvero il Timorasso Spumante Tasting Panel.

Pazienza, spero che Paolo e Andrea mi perdoneranno, io il post ve lo propongo lo stesso, sia perchè l’abbinamento con lo sformatino di zucca mi ha convinto molto, sia perchè sono stata molto felice di essere stata tra i 50 fortunati blogger che hanno potuto provare questo spumante.

Chiaror sul Masso è un Vino Bianco Spumante Brut da uve Timorasso (vendemmia 2008) ed è il frutto della ricerca di Paolo Carlo Ghisaldi che ci racconta:
Durante la lavorazione del Timorasso Brezza d’Estate, durante i ripetuti assaggi nelle varie fasi, è cresciuta in me la convinzione (o il dubbio?) che una versione spumante sarebbe potuta essere interessante […]
L’uva è stata vendemmiata in due tempi, la prima parte a fine agosto, la seconda a fine settembre 2008.
Entrambe le masse hanno subito estrazione a Freddo ( Prefermentativa ) per circa 48 ore in vasche di acciaio a temperatura controllata.
La fermentazione è partita spontaneamente a bassa temperatura ed ha proseguito per circa 3 settimane lentamente.
Ha mantenuto la permanenza sulle fecce fini fino Aprile 2009 quando poi il vino si è chiarificato per sedimentazione.
La rifermentazione ha proceduto per circa un mese in autoclave secondo il metodo Martinotti lungo al termine del quale si è proceduto a microfiltrazione in acciaio alla fine di agosto 2010.

Come vi dicevo l’abbinamento mi ha soddisfatto, l’acidità dello spumante si accosta bene alla zucca e compensa il Gran Kinara e nonostante non abbia io una formazione adeguata per poter parlare di vino ma scrivo solo come appassionata posso dire che sono convinta che l’esperimento di Paolo tra qualche tempo sarà ancora più armonico.

Ingredienti per 6 sformatini

500 gr. di zucca mantovana

150 gr. di patate

40 gr. di Gran Kinara de Le Fattorie Fiandino

25 gr. di burro

4 uova

pane grattuggiato

Realizzazione
Sbucciate la zucca e tagliatela a fette sottili, mettetela in una teglia avendo cura di non sovrapporre le fette altrimenti la cottura non sarà uniforme e copritele con un foglio di alluminio e del sale grosso. Cuocete a 200°C fino a cottura ultimata (nel mio caso circa mezz’ora e almeno fino a quando l’acqua della zucca non si sarà consumata). Passate la zucca al setaccio e unitela alle patate che avrete in precedenza lessate e passate.

Unite il Gran Kinara, il burro e le uova.

Mette il composto negli stampini imburrati e cosparsi di pangrattato ed infornate a bagnomaria per circa 30 minuti a 180°.

Torna su