Secondo piatto

Polpette svizzere gamberetti e Gruyére

0

polpette_gruyere

Praticamente come tutto quello che faccio in questi giorni arrivo sul filo del rasoio.

Anche vero che la prima ricetta designata per il concorso non è venuta come volevo e quindi ho replicato con questa, molto più semplice, di facile riuscita e ottima per l’aperitivo del sabato.

 

polpette_gruyere1

Ingredienti per 8 polpette

90g Gruyére

120g gamberetti sgusciati (nel mio caso erano congelati)

pepe

lime

per la panatura

farina

un uovo

pane grattugiato

 

sonia_polpette

Realizzazione

Grattugiate il Gruyére con una grattugia a buchi grandi e frullate nel mixer il formaggio e i gamberetti scongelati e scolati.

Aggiungete sul composto ottenuto una spolverata di pepe fresco e formate le polpette. Passate le polpette nella farina, nell’uovo sbattuto e nel pane grattugiato (costretta a comprarlo perchè avevo finito il mio breadcrumbs di fiducia, ho trovato solo questo dall’atipico colore aranciato… mah!). Friggete le polpette in abbondante olio di semi e occhio a non bruciarvi. :-)

Buon aperitivo!

 

sonia_polpette2

La ricetta partecipa al contest “Swiss cheese parade” organizzato da Teresa e il blog Peperoni & Patate e Formaggi dalla Svizzera.

sonia_polpette3

 

logo_scp_web

Salsiccia di Calabria and Bean stew – Salsiccia di Calabria e stufato di fagioli

0

stew2

English Recipe below

Quasi ogni sabato sera la scena si ripete, invece di cenare si preferisce un aperitivo da consumare con calma di fronte alla serie tv del momento.

Una bottiglia di Prosecco Superiore o un buon vino rosso e pane fatto in caso, accompagnato da salumi e formaggi rigorosamente italiani, con l’eccezione di una confezione di hummus.

Immaginate la gioia quando qualche tempo fa mi sono vista recapitare a casa una confezione di Prosciutto di Modena e due Salsicce di Calabria.

Artefice di questo pacco è ISIT, l’istituto salumi italiani tutelati, che si occupa di promuovere e valorizzare la salumeria italiana tutelata… potevo forse esimermi dal dare loro il mio modesto contributo? :-)

Tra il materiale informativo contenuto all’interno del pacco vi riporto alcune info che trovo molto interessanti e di cui, perlomeno io, non ero a conoscenza.

Meno grassi, più proteine

Considerati spesso erroneamente ‘alimenti grassi’, i Salumi presentano oggi un’ulteriore notevole riduzione del contenuto lipidico e, grazie alle moderne tecniche di allevamento, ne risulta ottimizzata anche la qualità della loro composizione, in particolare per quanto riguarda i prodotti insaccati cotti. Per questi alimenti, il contenuto in acidi grassi saturi negli ultimi 20 anni si è ridotto notevolmente, fino a quasi il 40%. Parallelamente alla riduzione dei grassi saturi, si sono registrate diminuzioni apprezzabili del contenuto in colesterolo, soprattutto in alcuni prodotti quali prosciutto cotto, pancetta, cotechino e una crescita delle proteine apportate, che forniscono meno calorie rispetto ai grassi.

Meno sale nei Salumi

L’impegno dell’industria di trasformazione dei salumi ha permesso di ottenere anche una notevole riduzione del contenuto di sale.
Benché i Salumi utilizzino il sale per la sua funzione conservante, si è arrivati oggi a una riduzione notevole del suo impiego, grazie all’evoluzione dei sistemi di produzione, al controllo dei periodi di asciugatura e stagionatura e alla maggiore attenzione nella quantità e qualità delle spezie utilizzate. Il contenuto di sale nei Salumi Italiani risulta notevolmente ridotto, in una percentuale che va dal 4% circa fino a oltre il 45% a seconda del prodotto.

stew1

Ingredienti

 

  • 100g di Salsiccia di Calabria DOP
  • 1 cipolla rossa tritata
  • 2 spicchi d’aglio, tritati
  • 1/2  peperoncino rosso, privato dei semi e tritato grossolanamente
  • timo
  • 240g ceci già cotti
  • 240g fagioli misti (per me Fagioli Corona  e Fagioli dell’Occhio del mio caro amico Prunotto)
  • 390g polpa di pomodoro
  • 200 ml di brodo di pollo

Realizzazione

Scaldare una padella larga la salsiccia. Fate soffriggere per 2-3 minuti, fino a quando diventa leggermente croccante. Rimuovere la Salsiccia dalla padella con un cucchiaio, lasciando l’olio.
Aggiungere la cipolla, l’aglio e il peperoncino all’olio e cuocere a fuoco basso per 3-5 minuti.

Aggiungere il timo tritato, la Salsiccia, i ceci e i fagioli misti nella padella e cuocere per 2 minuti. Incorporate la polpa di pomodoro e il brodo e cuocere, coperto, per circa 30 minuti.
Togliere il coperchio e lasciate cuocere per qualche minuto ancora, mescolando di tanto in tanto fino a quando lo stufato è addensato leggermente. Servite nelle tazze.

 English Recipe

Ingredients

  • 100g di Salsiccia di Calabria DOP
  • 1 red onion chopped
  • 2 cloves garlic, chopped
  • 1/2 red chilli, deseeded and roughly chopped
  • thyme
  • 240g chickpeas already cooked
  • 240g mixed beans (for me Large White Kidney and Black eye beans)
  • 390g carton Italian chopped tomatoes
  • 200 ml chicken stock

Preparation

Heat a large lidded pan and add the salsiccia. Fry for 2-3 minutes, until just crisp. Remove the Salsiccia from the pan with a spoon, leaving the oil.
Add the onion, garlic and chilli to the oil and cook gently for 3-5 minutes.

Add the chopped thyme, the cooked Salsiccia, chickpeas and mixed beans to the pan and cook for 2 minutes. Stir in the chopped tomatoes and stock, and simmer, covered, for 30 minutes.
Remove the lid and simmer for a few minutes further, stirring occasionally, until the stew has thickened slightly. Ladle into mugs and serve.

Peperoni ripieni con riso basmati e pollo

0

peppers

Questa ricetta doveva essere differente… ma come spesso accade, si parte con un’idea in testa e si arriva a tutt’altro.

Questo mi succede non solo in cucina ma in molto altre occasioni, scorsa settimana sono uscita per comprare dei pantaloni “estivi” e sono tornata con un vestito, delle scarpe, un top ed una borsina di Whole Foods piena di belle robine. Accade anche a voi vero?

NDR ;-) per pantalone estivo intendo una cosa come questa qui. Siete liberi di insultarmi nei commenti e portarmi sulla via della ragione… io che ho solo pantaloni in tutti i Pantone del nero esistenti…  :-)

 

uno

Ingredienti

  • garam masala
  • 140g riso basmati
  • una manciata di menta fresca (vedi foto sopra per la quantità usata)
  • 1 cipolla e aglio tritato
  • prezzemolo
  • 4 peperoni
  • 2 pomodori
  • brodo vegetale
  • 1 petto di pollo tagliato a dadini
  • olio d’oliva, sale e pepe

Realizzazione

Lavate i peperoni, asciugateli bene e tagliate via la sommità come per formare delle scatole con il coperchio. Svuotateli dei filamenti bianchi interni e dei semi.
Cuocete il riso basmati secondo le indicazioni di cottura.
Mescolate insieme al riso basmati il pollo, le spezie e la menta tritata e riempite i peperoni con questo composto.

Disponete i peperoni ripieni ben ravvicinati in una pentola unta di olio, dove avrete precedentemente soffritto la cipolla e l’aglio e successivamente aggiunto i pomodori.
Chiudete i peperoni con il loro coperchio e cuocete per poco più di un’ora o fino a quando i peperoni saranno cotti.

 

peppers_stuffed

La ricetta partecipa al contest “Chicchi di Riso” dedicato agli ambassador di La Cucina Italiana

logo_curti_riso.

Polpette di trota salmonata e alcune foto del primo weekend di sole londinese

4

polpette

E capita che finalmente arriva il sole a Londra e te ne vai in giro tutto il weekend a scoprire quartieri nuovi e a goderti la giornata e la temperatura finalmente primaverile. Per darvi idea della mia tolleranza al clima inglese, martedì scorso nevicava, di nuovo, e meditavo il trasferimento in Messico… really!!!

Capite quindi che la voglia di stare in casa a cucinare era ai minimi storici e quindi? Via di polpette salva-pranzo e velocissime.

Ricetta rubata da Cucina Italiana di Aprile, comprato in aeroporto a Genova la scorsa settimana.

Se poi anche tu come noi ami le ricette polpettose:

foto 3(5)

Maple Pecan Cupcake

foto 1(6)

St. John’s Wood

foto 5(3)

St. John’s Wood

foto 4(3)

Sunday breakfast

foto 2(6)

Camden Lock

Ingredienti per 2 persone, una decina di polpettine

  • 200 g di filetto di trota salmonata
  • 2 fette di pancarré
  • latte
  • prezzemolo
  • vino bianco secco
  • olio extravergine di oliva
  • sale e pepe

Realizzazione

Private della crosta il pancarré e ammollatelo nel latte.

Spellate il filetto di trota, tritate la polpa e amalgamatela con il pancarré strizzato, un cucchiaio di olio, 1 cucchiaio di prezzemolo tritalo e sale.

Tostate la polpa di trota in padella per 3-4 minuti.

Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare un pochino. Formate quindi delle polpettine e rosolate in padella con tre cucchiai di olio per circa 3 minuti per lato. Poi sfumate con un po’ di vino bianco e prosegite nella cotture per circa altri 5 minuti o fino a quando sono cotte. Cospargete con prezzemolo tritato e una leggera spolverata di pepe.

 

polpette2

Curried chicken and potato one pot – Pollo e patate al curry e il curry per ogni occasione

0

stufato4

I miei colleghi mangiano curry ogni giorno. Indiano, thai, veggie, mild o sweet. Sembra esisterne uno per ogni occasione e palato… tranne per il mio!
Per intenderci il curry, nella cucina italiana indica una miscela, di origine indiana, di spezie pestate nel mortaio che formano una polvere giallo-senape fortemente profumata. Corrisponde all’indiano masala, che comprende una varietà di miscele tipiche. In altri paesi occidentali con il termine curry si indica invece una varietà di piatti della cucina del Sud Asiatico, in particolar modo indiana.

Ho provato più volte questo tipo di piatti, facendo ogni volta delle figure pessime perché il finale è sempre lo stesso: io che “tracanno” 3 bicchieri d’acqua – che lo so che non serve a nulla, ma il latte non lo posso bere – tra le risate di tutti e affermazione del tipo “ma in Italia non mangiate speziato?”.

Certo che mangiamo speziato… ma io sono un caso a parte. Quindi per difendere la patria ho deciso che devo iniziare a mangiare il curry. E si parte da qui. :-) Per la ricetta del pane tornate nei prossimi giorni.

Ingredienti

2 cucchiai di olio di girasole
3 cucchiai di pasta di curry
1 cipolla grande, sbucciata e tritata finemente
500 g di petti di pollo disossati, tagliati a bocconcini
600 g di patate, sbucciate e tagliate a pezzi grossi
400g di pomodori in lattina
150 g di fagiolini
Lattuga (avevo della lattuga in frigorifero da usare velocemente :))
400 ml di brodo di pollo caldo

stufato3

Realizzazione

Scaldate l’olio in una pentola, meglio se di ghisa che permette lunghe cotture. Quando è caldo, aggiungere la cipolla e il pollo e cuocere per 10 minuti, mescolando, fino a quando il pollo è dorato
Aggiungete la pasta di curry, mescolare e cuocere per un altro minuto prima di aggiungere le patate.

Aggiungere la polpa di pomodoro, i fagiolini e il brodo di pollo, portare ad ebollizione, coprire e cuocere per 20 minuti, poi scoprire, aggiungere la lattuga e far cuocere per circa 1 ora.

Togliere dal fuoco e regolare di sale e pepe nero, macinato sul momento.

stufato2

 

English Version

Ingredients

2 tbsp sunflower oil
3 tbsp curry paste
1 large onion, peeled and finely chopped
500 g  boneless chicken breasts, cut into bite-sized pieces
600 g potatoes, peeled and cut into large bite-sized pieces
400g can chopped tomatoes
150 g green beans, halved
Lattuce (I had some lettuce in the fridge to use soon:))
400 ml hot chicken stock

Heat the oil in a pot. When hot add the onion and the chicken and cook for 10 minutes, stirring, until the chicken is golden.
Stir in the curry paste and cook for a further minute before adding the potatoes.

Add the chopped tomatoes, green beans and chicken stock, bring to the boil, part cover and simmer for 20 minutes, then uncover, add the lattuce and cook for 1 hour.

Remove from the heat and season well with salt and fresh black pepper.

 

stufato1

 

Torna su