Recensione

A few weekends ago and Nico Didonna fashion show

2

_DSC0367

 

Sabato mattina, il sole splende e ci sono 10 gradi, via si parte per godersi una Londra soleggiata.

Prendiamo il bus n°13 e dopo una viaggio attraverso le vie dello shopping londinese, scendiamo ad Aldwich per recuperare l’ultima arrivata in famiglia, la Sony RX1, una meraviglia di compatta che credo ci darà grandi soddisfazioni. Tutte le foto del post sono state fatte con la Sony RX1 e sono il nostro primo test.

Recuperata la macchina siamo andati a pranzo al Counter del The Delaunay, uno dei miei posti preferiti che mi ricorda tantissimo i pranzi newyorchesi anche se sembra che si ispiri ai grandi Caffè europei.

E dopo un hot dog e un dolcino – ma la prossima volta provo il pretzel – via alla sfilata Autunno/Inverno di Nico di Donna, lanciata il 15 Febbraio.

————– English Version —————

Saturday morning, the sun is shining and there are 10 degrees, let’s go and enjoy London!

We hop on the bus number 13 that takes us to Aldwych, crossing a few classic shopping streets, to collect our latest shopping folly, the Sony RX1, a compact camera that I believe will give bring us a lot of satisfaction!
In this post our first photos with the Sony (and I still have to learn how to use the focus :-))

We stop at the Delaunay Counter for lunch, one of my favourite spots in London, that reminds me of New York.
After a hot dog and a lemon tart – next time I should try the pretzel: it looked really yummy :-) – we head off to the Autumn/Winter fashion show of Nico Didonna at the spectacular Bloomsbury location.

_DSC0361
Ok bisogna imparare la messa a fuoco, ma la foto mi piace moltissimo

_DSC0359

 

_DSC0377

_DSC0371I love her tattoo!
_DSC0393
  _DSC0382
_DSC0384
_DSC0386
_DSC0385
_DSC0390
_DSC0389  _DSC0394
_DSC0397
♥♥♥

_DSC0398

Nel Paese delle Stoviglie review: Automatic Tea Twinings by Ariete

4

La nuova macchina automatica firmata Ariete e Twinings, per i veri intenditori del tè.

Questa la definizione del nuovo “bollitore” di Ariete in collaborazione con Twinings, che ho avuto la possibilità di testare in questo mese grazie ad Ariete.

Sono sempre stata una consumatrice di tè (e collezionista di scatole da tè in latta) e da quando vivo a Londra, il consumo è decisamente aumentato, vuoi per quella bella sensazione di benessere che ti offre una tazza di tè caldo, quando la mattina entri in ufficio dopo un viaggio a 0 gradi, vuoi perchè qui è vissuto come un vero rito.

Vi lascio immaginare la faccia dei miei colleghi quando ho spiegato che bevo il tè puro, senza latte, zucchero o limone o ancora l’espressione del mio collega Raj, quando gli offerto una tazza di tè appena preparata e lui mi ha chiesto (serio!) se gli stavo offrendo acqua calda… per lui avevo sbagliato il tempo di infusione della bustina e non avevo aggiunto abbastanza latte. :-(

Insomma il mondo del tè è affascinante e complesso e una macchina come quella qui sotto, vi sarà decisamente di aiuto nel rendere una tazza di tè un rito dal sapore autentico.

Per vedere la Automatic Tea Twinings by Ariete in azione con un tè nero, guarda il video sotto (ps selezionate dalla rotellina 480p).

PRO

Selezione minuti di infusione.

Selezione temperatura acqua.

Cestino per bustine e tè in foglie removibile.

Facile da usare e da pulire.

 

CONTRO

Come spesso accade per le attrezzature con imballaggio in plastica, all’apertura l’odore di plastica è molto forte. Vi consiglio di utilizzare la macchina per una decina di volte con un tè strong (Earl Grey, English Breakfast, tè nero) e non molto costoso, in modo da eliminare l’odore della plastica. Dopo una decina di usi, la mia ha perso ogni odore e il tè è perfetto.

Il prezzo. Se per voi il tè è solo la bevanda del mattino per accompagnare gli Oro Saiwa, questo oggetto non fa per voi. Se invece come me, vi ritagliate la pausa tè come un qualcosa di sacro e magari investite in miscele e aromi importanti, se appena atterrate a Parigi cercate un sala da tè… allora non posso che consigliarvela! :-)

 

 

Nibblr launch event at Avista – London

1

English Version only.

Last Thursday I was invited to Avista, an Italian restaurant in 39 Grosvenor Square, London. The event was about the launch of Nibblr, a new social dining network. For the occasion the chef of Avista has created a special Italian menu for us in which every dish was matched with a wine.

Nibblr is a new social media network for foodies and socialites, talk to other users and book meals together. It’s a way to meet new people, whether you’re new to town, wanting to network with other foodies with similar interests or whether you’re a socialite. The site is also fantastic as you can make use of the discounted reservation in an exclusive restaurant and book a meal with your friends. The meals are available for any user to book a seat, so really you could meet anyone at dinner.

Neil Rafferty, the proud founder of Nibblr.
It’s been a great night with a very fun table, lots of chatting and delicious food. Below some of the dishes we enjoed during the evening.

The crab salad with avocado, papaya, basil and lemon sorbet with Vermentino Villa Solais, Santadi 2011, one of my favourite dish from the dinner.


Risotto with mushrooms and foie gras with Valtellina Superiore Sassella, Fay 2007.

Steamed salmon with asparagus, béarnaise sauce and Porto wine reduction with Chardonnay Fontanelle, Banfi 2010.

Plum tart with vanilla ice-cream with Moscadello di Montalcino, Banfi 2010.

If you’d like to know more, you can find info here or on Facebook.

Nibblr: good food, good company, good times.

Thanks to Nibblr for the fun, Janey and Ann for the invite and Avista for the food.

 

A special dinner at Quilon in London, with the chef Sriram Aylur

4


English version and Italian together.

Qualche settimana fa ho avuto la possibilità di andare a cena al Quilon, il primo ristorante indiano ad ottenere la stella Michelin nel 2008 e ancora oggi unico stellato al mondo specializzato nella cucina tradizionale dell’India meridionale. Sriram Aylur conosciuto come il “Re delle Spezie” è lo chef del Quilon e proprio lui in persona ha accolto me, Sandra e Federica quando il sabato sera siamo arrivate al ristorante.

Il locale che ha da poco terminato un restyling, ha degli interni meravigliosi. Situato all’interno del 51 Buckingham Gate è il fiore all’occhiello europeo del gruppo Taj Hotels Resorts & Palaces.

Some weeks ago I had the opportunity to go to Quilon, the first Indian restaurant to obtain the Michelin Star in 2008. Today it’s still the only Michelin Star restaurant specialized in South-west coastal Indian cuisine. Sriram Aylur, the chef also know as the King of Spices, welcomed me, Sandra and Federica on Saturday evening, when we arrived at the restaurant.
Quilon has been reopened recently, after an exciting refurbishment and the new design reflects its cultural origins..

 

Ma veniamo ad alcuni dei piatti che lo chef Sriram ci ha proposto abbinati ad un vino indiano di Nashik, lo Chenin Blanc 2010:

  • Tra gli starter vari chutney, Crab cake, Char-grilled scallops, la mia prima volta con la scallop, deliziosa
  • biryani di agnello cucinato con spezie e riso basmati
  • gamberoni alla griglia con salsa al mango e cipolla rossa
  • petti di pollo marinati in cocco, chili e cumino. Il mio piatto preferito, assolutamente da provare (foto sotto).

 

Some of the dishes that we enjoyed:

  • starter: chutney, Crab cake, Char-grilled scallops; my first scallop, it was delicious
  • Malabar lamb biryani basmati rice
  • Grilled tiger prawn
  • Coconut cream chicken – my favourite dish from the dinner, below the photo

 

E tra i dolci Baked Yogurt ai gusti caramelized orange, mango and lychees e la deliziosa Spiced Chocolate che vedete qui sotto, una mousse cioccolato e nocciole con un interno scoppiettante… nel vero senso della parola! Consigliatissima.

Questa la domanda che ho rivolto allo chef. Below my question for the chef.

Do you often go back to India? When you’re there, do you still explore the local cuisine and, maybe, find something new and surprising that will become part of your menu?

I am back in India very often and travel extensively throughout the Country. I come across interesting recipes in the most unexpected locations. I do learn from house wives, cooking enthusiasts and professional Chefs as well. In India the passion for cooking runs very high.

 

 

 

Thanks for everything to Quilon, PRCo Italy, Sandra e Federica.

Quilon, 41 Buckingham Gate, London, SW1E 6AF 020 7821 1899
Info www.quilon.co.uk – www.tajhotels.com

 

Lanka, Primrose Hill – London

4

English Version – Versione italiana sotto

I know my birthday is gone long time ago, but I would like to share with you my birthday cake and this beautiful shop in Primrose Hill where Giuliano ordered it. He had the chance to speak directly to Masayuki Hara in the kitchen. :-)

Originally from Japan, French cuisine chef Masayuki Hara came to London to work at the three-star Michelin restaurant “Le Gavroche” in the late 1980s. They are specialized in quality pastries based on traditional French recipes.

If you need a delicious cake, you are in the right place!

Lanka
Primrose Hill • Cake Shop & Tea Salon
71 Regents Park Road, London NW1

Versione Italiana

Lo so il mio compleanno è passato da un pezzo, ma volevo condividere con voi quella che è stata la mia torta di compleanno, una deliziosa e leggera millefoglie con le fragole. Giù ha ordinato questa meraviglia a Primrose Hill direttamente in cucina allo chef Masayuki Hara. Direi che ha potuto osservare con i suoi occhi come si lavora in questo negozio. :-)

Lo chef e lo shop sono specializzati in pasticceria francese e le confezioni sono favolose e curate, mi hanno ricordato molto le pasticcerie francesi viste a Tokyo. Se capitate di qui merita una visita!

Lanka
Primrose Hill • Cake Shop & Tea Salon
71 Regents Park Road, London NW1

Torna su