Al Veliero

Merry Christmas…

2

A tutti voi. :-)

Vi auguro una splendida giornata, io la trascorrerò con la mia famiglia e credo che non ci sia modo migliore di vivere questo giorno.

Auguri!

P.s. se volete la ricetta scemissima del panettoncino qui sopra, andate qui.

Trofiette al ragù di Mare del Veliero

11


Oggi pubblico una vecchia ricetta con qualche aggiornamento, magari qualcuno di voi ha già visto le foto sul mio Flickr o sulla pagina Facebook del Veliero.

La ricetta parla delle nostre Trofiette al ragù di mare. Nostre perché la ricetta è della mia mamma, Gianna, ed è diventata uno dei piatti forti del ristorante Al Veliero, il ristorante dei miei zii dove mia mamma fa la cuoca (e dove io ho fatto la cameriera per tantissime estati :-)).

Se passata da Lavagna venite a trovarci e chiedete le Trofiette alla Veliero, dite che vi manda Sonia. :)

Per chi non le conosce le trofie sono un tipo di pasta fresca originaria della Liguria e sono caratterizzate dalla forma arricciata.  Solitamente sono presentata con il tipico e famosissimo PESTO, ma alcune varianti le presentano con patate e fagiolini novelli. Un giorno, circa 15 anni fa, mia mamma ha provato questa variante per gioco… ed è piaciuta tanto da essere inserita a pieno titolo nel menu. Beh evito di dilungarmi oltre e vi riporto la ricetta direttamente dai quaderni della mamma!


Ingredienti:

  • x 2 persone
  •  200 gr. di trofiette genovesi fresche
  •  1 cipolla
  •  1 seppia (media oppure 2 piccole)
  •  1 paio di calamari
  •  1 manciata di gamberetti
  •  1 manciata di cozze (personalmente vi consiglio quelle di Olbia) e vongole
  •  qualche cucchiaio di polpa di pomodoro
  •  1 carciofo fresco
  •  1/2 bicchiere di vino bianco
  •  aglio, prezzemolo, sale e pepe

Preparazione

Pulite e tagliate seppie e calamari a striscioline sottili. Fate dorare la cipolla tritata e aggiungete le  striscioline di pesce con aglio e prezzemolo. Fate rosolare ancora un po’ e aggiungete il bicchiere di vino,  lasciate evaporare (se vedete che il pesce è ancora duro potete aggiungere un po’ d’acqua). Aggiungete il carciofo tagliato finemente. Per ultimi polpa di pomodoro,  gamberetti, cozze e vongole (ben lavate mi raccomando :) ) e spolverate il tutto di pepe. Cuocete le trofie in abbondante acqua salata (5 minuti circa), scolatele e saltatele velocemente in padella. Servite con abbondante prezzemolo fresco.

Con questa ricetta partecipo al contest “GLOSSY food” organizzato da GustosaMente e GlossyBox.it

Chiuso per ferie

2

A tutti quelli che sono già tornati e a chi come me ci va adesso. :-) Buon viaggio a tutti, ovunque sia la vostra meta! Happy holidays.

Gnocchetti al sugo di tonno fresco, taggiasche e Astraio, Zonin

7

Vi capita mai di dimenticarvi di una ricetta e poi ritrovarla senza cercarla? A me sì!

Succede che avrò almeno 5/6 post in bozza e alcuni appuntati e mai trascritti su WordPress, in più ogni volta cambio bloc-notes, così facilito la perdita dei promemoria, ma le foto sono diligentemente salvate sul Mac con tanto di data e titolo, vabbè sono un caso perso :-).

Questi gustosi gnocchetti arrivano da un pranzo della scorsa estate con i miei genitori, un piatto che spesso mia madre propone al ristorante, un primo che avevamo abbinato ad Astraio, un vino 2008 della tenuta Rocca di Montemassi di Zonin. Un Maremma Toscana Bianco IGT da uve Viognier. Bevuto durante un pranzo estivo, uno dei pochi con tutta la famiglia riunita, abbiamo stappato questa bottiglia dall’etichetta tradizionale e rappresentante del territorio di Montemassi (questo per dire che l’etichetta mi convince).

Bevuto a pranzo ha convinto tutti, me compresa che solitamento non amo i vini bianchi. Un profumo esotico, direi di ananas, anche se il produttore riporta litchis e pesca bianca. Spero che Zonin non ne abbia a male se ne parlo dopo quasi un anno. :-)

Ingredienti per 2 persone

150 grammi di gnocchetti di patate

circa 200 grammi di tonno fresco

circa 300 grammi di pomodori (tipo perini)

1 scalogno tagliato a fettine

olive taggiasche (lo so le uso sempre, ma che ci posso fare, le adoro :-))

aglio, prezzemolo, sale

vino bianco

1 peperoncino secco

capperi tritati grossolanamente

Realizzazione

Fate rosolare lo scalogno in padella, nel mentre tagliate il tonno a piccoli cubetti e aggiungetelo allo scalogno. Aggiungete capperi, aglio e prezzemolo e fate sfumare con un bicchiere di vino bianco. Quando il vino è evaporato aggiungete i pomodorini, il peperoncino tagliato, le olive e salate quanto basta. Fate cuocere per circa 10 minuti e verificate la cottura del sugo.
A parte cuocete gli gnocchetti in acqua bollente. Scolate e fateli saltare in padella con il precedente sughetto. Servite in tavola decorando con un po’ di prezzemolo.

Salame al cioccolato

11

Un dolce semplicissimo e veloce e dal risultato garantito, chi di voi riesce a dire no ad una fetta di salame al cioccolato? Non ditemi no, perché tanto non vi credo. ;-)

Questa è la ricetta che si usa da sempre al ristorante ed è stra-collaudata e apprezzata dal clienti.

Nota dal Paese: il post di oggi è dedicato a Jenny che un po’ di tempo fa mi ha fatto notare che qui non si parlava di salame al cioccolato. Jenny hai ragione, un grande classico dolce e a volte ci dimentichiamo (almeno a me succede così) di parlare proprio delle ricette più semplici.

Ingredienti

250 grammi di biscotti Petit

150 grammi di burro

2 tuorli d’uovo

2 cucchiai di zucchero

2 cucchiai di cacao amaro

1 bicchierino di rum

Preparazione

Montate i tuorli con lo zucchero ed aggiungete il burro, precedentemente sciolto a bagnomaria. Aggiungete cacao e rum e mescolate. Sbriciolate i petit ed uniteli al composto. Mescolate molto bene, versate il composto nella carta stagnola (o carta oleata) e arrotolatelo chiudendo bene e dandogli la forma di un salame. Mettete in frigo per qualche ora, poi servite.

Torna su